Come investire sulle criptovalute

Le criptovalute non sono solamente una valuta di “scambio” con la quale poter effettuare operazioni di regolamento commerciale, prevalentemente online. Uno dei motivi che ha reso le criptovalute sempre più importanti e sempre più in “vista” è legato al fatto che le valute virtuali possono ben essere utilizzate come oggetto di investimento, prevalentemente ad alto rischio speculativo.

Ma in che modo si può investire sulle criptovalute? Quali sono le modalità che avete a disposizione per cercare profitto attraverso Bitcoin & co.?

Acquistare direttamente le criptovalute

La prima modalità di investimento sulle criptovalute è naturalmente rappresentata dalla possibilità di acquistarle e di tenerle nel proprio portafoglio. È un po’ quel che avviene quando vi recate in banca e cambiate i vostri euro con dei dollari: potete riporre la valuta acquistata sul vostro portafoglio, in attesa che le quotazioni salgano e, dunque, fare il cambio inverso.

Al di là dell’esempio forzato di cui sopra, acquistare direttamente le criptovalute è piuttosto semplice. Quel che dovrete fare è infatti aprire uno di questi “portafogli” online, utilizzando uno dei tanti servizi che nel corso degli anni sono sorti proprio per questa finalità. Se volete informazioni quotidiane, le trovate su Criptovalute 24, che pubblica sempre nuove news sull’argomento.

Una volta fatto ciò, non dovrete far altro che acquistare le criptovalute di vostro interesse “pagando” euro per potersi aggiudicare la valuta digitale di riferimento al cambio attuale. Potete altresì effettuare l’operazione contraria nel momento in cui ritenete che la quotazione della valuta virtuale sia sufficientemente conveniente da “disfarsene” per poter rientrare in possesso degli euro.

Trading derivato sulle criptovalute

Vi è poi un altro modo, sempre più in voga, per poter effettuare del trading sulle criptovalute: non procedere all’acquisto diretto delle valute virtuali, ma utilizzarle come asset sottostante dei vostri investimenti derivati finanziari.

In tale ambito, gli strumenti più utilizzati degli ultimi anni dai trader online sono sicuramente rappresentati dai contratti per differenza e dalle opzioni binarie.

I primi (contratti per differenza, o CFD) sono dei particolari strumenti derivati che vi permetteranno di conquistare il meritato profitto (o la perdita!) sulla base delle variazioni di prezzo dell’asset di riferimento. Le seconde (opzioni binarie), hanno caratteristiche simili ai primi, ma si distinguono dagli stessi per le particolari peculiarità legate non solamente al loro funzionamento, quanto altresì all’esito dell’investimento, che sarà – appunto – binario (ovvero, o un profitto predeterminato sulla base di un payout che l’investitore conoscerà al momento dell’apertura della posizione, o la perdita dell’intero capitale investito).

Come risulta facilmente intuibile, fare del trading derivato sulle criptovalute è abbastanza semplice… almeno sotto il profilo tecnico. Sono tanti, infatti, gli investitori che si sono avvicinati a questo ambito finanziario senza le dovute consapevolezze e conoscenze tecniche, con la conseguenza di essersi successivamente imbattuti in sgradite sorprese nel momento della chiusura dell’operazione di trading.

In realtà, per gli elevati rischi che comporta il trading speculativo sulle criptovalute, sarebbe opportuno approcciare a CFD, opzioni binarie & co. con la giusta cautela, ricordandosi di inquadrare tali investimenti all’interno di una strategia finanziaria che dovrà contemplare il vostro profilo finanziario, l’orizzonte temporale, la propensione al rischio e gli altri elementi che renderanno unico il vostro modello di trading.

In tal senso, ricordate che le criptovalute sono un asset piuttosto “instabile”, con quotazioni che possono cambiare repentinamente da un momento all’altro. L’elevata volatilità delle criptovalute le rende strumenti da “maneggiare” con cura, nella coscienza che ad alti rendimenti potenziali corrispondono pur sempre altrettanti alti rischi.

Vi consigliamo pertanto di avvicinarvi al mondo degli investimenti in criptovalute con la circospezione e l’autorevolezza che merita questo comparto, cercando in tal modo di apprezzarne con la necessaria cognizione i giusti margini di vantaggio, tollerando evidenti margini di rischio finanziario.